Detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie nel triennio 2014-2016

La Legge di Stabilità ha prorogato per tutto il 2014 i “maxi sconti” che erano stati concessi nel 2012 (con scadenza a fine 2013) sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio. Fino al 31 Dicembre di quest’anno sarà dunque possibile usufruire delle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione, la riqualificazione energetica e l’acquisto di arredi nella stessa misura “maggiorata” già in vigore nell’anno precedente.

Detrazione Irpef per spese di ristrutturazione edilizia

Le spese che danno diritto a tale agevolazione sono quelle per interventi di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, realizzati non solo sulle singole unità immobiliari, ma anche su parti comuni di edifici residenziali, nonché sulle relative pertinenze. La detrazione Irpef spettante per tali interventi si applicherà nella misura “maggiorata” del 50% delle spese sostenute per tutto l’anno in corso, mentre per il 2015 scenderà al 40%, per poi tornare all’originario 36% nel 2016. La proroga riguarda anche il limite massimo dell’importo di spesa agevolabile, che per il 2014 e il 2015 sarà di 96.000 €, mentre per il 2016 tornerà a 48.000 €.La detrazione è da ripartire in 10 rate annuali di pari importo e spetta fino a concorrenza dell’imposta dovuta: ciò significa che se in uno o più di questi dieci anni la detrazione risultasse superiore all’imposta dovuta non si potrà chiedere allo Stato alcun rimborso.

Il “bonus arredi”

La proroga a tutto il 2014 riguarda anche l’acquisto di arredi, di mobili e di grandi elettrodomestici (di categoria A+ o superiore, categoria A per i forni) destinati ad immobili ad uso abitativo interessati da interventi di recupero edilizio.In particolare, sugli acquisti effettuati nel 2014 spetta una detrazione Irpef pari al 50% del costo sostenuto, nel limite di spesa di 10.000 € (da aggiungere al limite di 96.000 € previsto per l’intervento di recupero edilizio).Per avere diritto all’agevolazione è necessario che le spese per arredi e mobili siano sostenute in data successiva a quella di inizio dei lavori dell’intervento di ristrutturazione, ma non occorre che i lavori stessi siano pagati prima di acquistare gli arredi.

Detrazioni Irpef/Ires per interventi di riqualificazione energetica

Anche la misura “maggiorata” al 65% di tale detrazione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2014, mentre scenderà al 50% per il 2015 e al 36% dal 2016 in poi. Tale detrazione spetta per le unità immobiliari di qualsiasi categoria catastale (e, dunque, non solo per immobili abitativi) e possono usufruirne sia i privati che le imprese.

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE)

In relazione al tipo di intervento sull’edificio o in occasione della vendita o locazione dello stesso, il proprietario, ai sensi della DGR VIII/5018 e sm.i. è tenuto a dotarsi e, quando richiesto, di allegare all’atto di compravendita o al contratto di locazione, l’Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per qualsiasi domanda,  per una consulenza o per un preventivo gratuito non esitate a contattarci.

Saremo lieti di rispondere ad ogni vostra questione e vi consiglieremo le soluzioni più adatte alle vostre esigenze. Potete contattarci usando il modulo a lato oppure via mail a :